AIUTACI CON UNA DONAZIONE: Iban IT 47 D 02008 01636 000100399556 c/o Unicredit Banca Spa

Relazione del presidente

02/05/2012

 

Stiamo vivendo il decimo anno di fondazione della nostra Associazione.

E’ una bella tappa se consideriamo ciò che in questi anni abbiamo fatto e i bei risultati ottenuto ma, rimane comunque una tappa e non un traguardo. A livello organizzativo, dobbiamo tenere presente come negli ultimi anni sia aumentata la complessità di gestione dell’organizzazione in generale, come pure la gestione dei vari progetti che richiedono sempre maggiori sforzi per ottenere risultati soddisfacenti.

Per fare questo è necessaria una continua relazione fra i volontari e un continuo dialogo che metta a confronto idee e diversità, questo non è certamente un compito facile. Dobbiamo esserne consapevoli e mettere in campo tutto il nostro impegno, coscienti che il confronto è necessario, cercando tutti quegli elementi differenti che, valorizzandoli, portino ad un qualche cosa che ci unisce, che ci porti ricchezza e varietà di rapporti.

Ho letto da qualche parte che un gruppo di volontari è come una grande insalata di riso: "tanti ingredienti differenti, in cerca di valorizzazione e di qualcosa che li leghi, il tutto per arrivare ad operare per il bene e, come diceva don Carlo Gnocchi: «il bene, bisogna farlo bene!»"

Dopo dieci anni di gestione dell’Associazione mi sono soffermato ad analizzare la mia figura di leader; sono stato capace di portare a compimento il tracciato della strada? di riepilogare facendo memoria del percorso svolto e facilitando l’indicazione del cammino che resta da compiere?

E’ un compito che lascio anche a ciascuno di voi perché ogni gruppo di volontari deve trovare il tempo e lo spazio per condividere il percorso nel proprio contesto, interrogarsi, prima ancora che per gli altri, su che cosa fa per il compagno di viaggio.

La relazione è importante e, senza questa, non è possibile raggiungere gli obiettivi. A volte bisogna saper cambiare i propri atteggiamenti per far posto all’accoglienza di chi non la pensa come noi. Non dobbiamo dimenticare che noi siamo una forza, importante, consapevole delle problematiche che deve affrontare ma, sicura di portare a termine i propri compiti.

Così, anche in questo anno pur difficoltoso, abbiamo dato il meglio di noi ed abbiamo raggiunto i nostri obiettivi.

Quello che ci aspetta non sarà sicuramente semplice perché abbiamo percorso dieci anni di continuo sviluppo e bisogna tenere presente che il trend non può sempre essere in salita. Se saremo convinti e motivati riusciremo anche ad affrontare gli ostacoli che si presenteranno.

Ringrazio tutti per ciò che avete fatto e chiedo il vostro sostegno perché assieme possiamo far progredire la nostra Associazione nel prossimo decennio.

Grazie e buon lavoro.

Giovanni Gianelli
Il Presidente

Created by Idodesign - CMS (Versione Italiana)